ottobre 28, 2012

PumpkinPie


Sono giorni di piedi bagnati, la pioggia incessante non aiuta la mia testa. Tutto si circonda di una foschia, che affascina il mio pensiero maledetto. E mi ritrovo nel fango a fotografare me stesso, caduto troppo velocemente da un albero che proteggeva la mia fragilità. Ma nel fango ho ritrovato cocci di me, persi da tempo, coperti di foglie, sto provando a rincollarli, e capire a quale coccio rotto dare priorità. Sono un trapezista in bilico sul volere del mio pensiero.


Devo dire la verità, credo di non aver mai amato così tanto l'autunno come quest'anno.
Se Cenerentola aveva una zucca come carrozza, io ho una zucca come torta. Va beh detto questo, sono uscito ufficialmente pazzo. In questi giorni di autunno inoltrato e con un ora in meno sull'orologio mi sarei sentito tremendamente in colpa se non avessi fatto una torta alla zucca qualunque essa fosse stata, per fortuna c'è stata Donna Hay ha salvare la situazione e ha incrementare la mia ispirazione per la ricetta, mentre per le foto lei divina come sempre. La torta in questione è la torta di zucca più buona che io abbia mai mangiato (forse per il fatto di non averne mai mangiato una) la crema morbida e dolce è la gioa delle mie colazioni.
La pasta brisè al profumo di vaniglia l'abbraccia e rende il contrasto piacevole e non stucchevole. E' una pie felice con le sue foglioline e con i colori dell'autunno. E quell'arancione così intenso e bello è il sole delle mie fredde mattine.


Ricetta adattata da Stagioni di Donna Hay
Ingredienti:
Per uno stampo da 18 cm di diametro.

Per la pasta brisè alla vaniglia:
  • 250 g di farina
  • 80 g di burro freddo
  • 80 ml di acqua ghiacciata
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 cucchiaio di zucchero

Per il ripieno alla zucca:
  • 500 g di zucca
  • 125 g di panna
  • 125 g di miele
  • 2 uova 
  • latte e zucchero di canna q.b

Procedimento:
1.Preriscaldate il forno a 200°C, tagliate a pezzi la zucca e avvolgetela con della carta stagnola e metteteli nel forno per 45 minuti circa o fino a quando la polpa sarà morbida. 
2.Quando la zucca sarà pronta e la polpa morbida privatela dei semi e dei filamenti e scavatela con un cucchiaio.Frullatela e mettetela da parte.

3.Per la pasta brisè unite la farina, il burro e lo zucchero impastate fino a formare delle briciole. 
4.A questo punto versate l'acqua e la vaniglia.Continuate ad impastare fino a formare un impasto liscio ed omogeneo. 
5.Avvolgete l'impasto con della pellicola trasparente e ponetelo in frigorifero per 30 minuti.
6.Passato il tempo di riposo dividete la pasta in 3/4. Prendete la parte più grande e stendetela, adagiatela nello stampo precedentemente imburrato ed infarinato.
7.Pungete il fondo con i rebbi di una forchetta e cuocete in bianco per 20 minuti circa a 180°C.

8.Per il ripieno unite tutti gli ingredienti in una ciotola e amalgamateli fino a formare una crema.
9.Versate la crema di zucca nella crosta precedentemente preparata.
10.Con la pasta avanzata create un decoro che spennellerete con del latte e dello zucchero di canna. 
11.Infornate la torta a 180°C per 45 minuti fino a quando la crema di zucca si sarà leggermente solidificata.

               

41 commenti:

  1. Buongiorno Marcello!
    Che onore esser la prima a commentare!Mi ritrovo perfettamente nelle tue parole:è un autunno amato e odiato, odiato perchè mi ritrovo persa in me stessa e, a volte, ritrovarsi è il lavoro più difficile da portare avanti...comunque...
    Splendide le foto e la zucca pare davvero possa trasformarsi da un momento all'altro!
    Buona domenica,
    Manuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo autunno forse ci trasformerà??? bah vedremo...Grazie mille un bacio e buona domenica anche a te :*

      Elimina
  2. > Devo dire la verità, credo di non aver mai amato così tanto l'autunno come quest'anno.

    L'ho detto anche io, qualche post fa...non so perché...credo che sia per i colori...infatti le foto che hai fatto oggi, sotto gli alberi e tra le foglie, è da un sacco di giorni che vorrei farle anche io (pur senza raggiungere i tuoi risultati), ma rimando perché non riesco mai a organizzarmi :)

    La torta è divina...come sempre del resto! :)

    Buona domenica! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAH Vedi l'autunno ci mette d'accordo tutti....non puoi capire le lotte per queste foto il bagnato, il fango e la pioggia che mi sono preso XD un bacio e grazie!!

      Elimina
    2. Immagino...ma hanno una luce splendida! :)
      Sanno proprio di autunno!

      Elimina
  3. Dove si trova questo meraviglioso bosco? Post fantastico Marci!!!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é il giardino condominiale e non è per nulla fantastico...è anche un pochino brutto ma fotogenico a quanto pare XD

      Elimina
    2. Beh sei riuscito a trasformarlo in un "bosco incantato"! ;)

      Elimina
  4. A me il pumpkin proprio non piace ma cavoli Marcello, la foto nel bosco è meravigliosa, il tuo modo sempre elegante di proporre le cose mi affascina e emoziona.un bacio forte

    RispondiElimina
  5. Hey :) sei scivolato ma sii forte per rialzarti! Scivolerai altre volte e devi aber la forza di rialzarti in tutto e per tutto.
    E questa ricettina coi fiocchi?! È stupenda la tua rappresentazione..Marcello fattelo dire: sei proprio un artista <3 un bacione grande !
    Noemi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ♥ grazie grazie infinite noemi per starmi vicino un bacione enorme!!!

      Elimina
    2. Lo sai che su di me puoi contare ;)
      buona domenica!
      Ti abbraccio fortissimo!

      Elimina
  6. OOh ma è altissima!:D anch'io l'ho fatta la pumpkin pie,e mi piace da impazzire!la tua decorazione con le foglioline di brisè è davvero raffinata,così come la pie immersa in quel trionfo di colori autunnali. un bacio,buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite...anche a me piace da morire appena scoperta ed è entrata nel mio cuore un bacio e buona giornata!!

      Elimina
  7. Stella.. le foto che hai fatto alla tua stupenda torta sono qualcosa di incantevole.. Adoro le atmosfere che sai creare, adoro i tuoi dolci che traspirano poesia. E che delicatezza la tua anima... Caro, sappi che a volte è tra le foglie, tra la terra, quando si cade.. che si ritrova il profumo intenso della vita, nuovi stimoli per comprendere cosa ci porterà nuovamente a volare.
    Sono certa che quella confusione di dissiperà come nebbia, rivelando uno dei più bei tramonti autunnali mai visti. Sei meraviglioso, sei.. prezioso. Come puoi non brillare? Ti sono vicina. Un abbraccio e complimenti ancora <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè mi emoziono?!! sotto le tue parole?!? forse non mi resta che dirti grazie di tutto e ti sento vicina e basta così poco!!! Un bacio e grazie per tutto ♥

      Elimina
  8. "Ma nel fango ho ritrovato cocci di me, persi da tempo, coperti di foglie, sto provando a rincollarli, e capire a quale coccio rotto dare priorità".
    ti rispondo così, con le tue stesse parole.

    questo post è tutto una meraviglia.
    pensa a quel giardino condominiale, chi lo avrebbe detto che potesse diventare così incantevole? lo avresti potuto credere tu di saperlo trasformare nel giardino delle fate? con le tue mani?
    un abbraccio


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara tu dimmi come fai??? a vedere sempre il bello delle cose e il romantico della situazione io non ci avrei mai pensato ho solo scattato un bacio amica <3

      Elimina
  9. Che fotografie spettacolari!!! E che dire della torta? Particolare, poi quella brisé alla vaniglia mi stuzzica proprio! Io ho fatto invece il mio esperimento cioco-rosso di cui ti parlavo l'altra volta. Permittemi di dirlo, sono proprio soddisfatta! :) Passa a dargli un'occhiata se ti va :) Un bacione, buona settimana, Fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie si si si sono andato a vedere davvero in tema di questo periodo un bacio!!!!

      Elimina
  10. Mi sa che la provo. Mi sa proprio tanto che la provo.
    Marce, i cocci bisogna raccoglierli sempre. Magari non ci fai nulla, ma almeno non ti tagli i piedi.

    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se la provi poi dimmi che anche tu vai in estasi un bacio!!!! ♥

      Elimina
  11. uh, ma mi ero persa ben due post, mele e zucca. pure io ho fatto la torta di mele, ma ancora nn l'ho pubblicata! è che alle torte di mele non si resiste.....
    ciao Marcello :)
    sorridi!

    RispondiElimina
  12. adoro adoro adoro ogni tua ricetta... abbiamo gusti davvero molto simili! e le foto sono splendide, ovviamente! buon lunedì caro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carlotta buon Lunedì anche a te ^^

      Elimina
  13. Caro Marcello, anche io, mai come quest'anno, ho desiderato l'autunno con le sue pioggerelle, la brezza della mattina, i tappeti di foglie e una torta in forno a scaldarti casa e cuore. Mi viene voglia di rifare tutto ciò che pubblichi. Devo solo decidere in che ordine. Ma dato che siamo in zucca time, mi sa che questa al momento batte le altre...

    ps: i cocci, quelli che hai ritrovato, tienili stretti e magari dai loro un nuovo assetto. Potresti scoprire nuovi orizzonti inesplorati. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava vai di zucca questa torta è divina =) ci sono i lavori in corso per i cocci!!!

      Elimina
  14. amo le torte di zucca, amo le croste croccanti che racchiudono creme morbide e voluttuose, amo leggere i tuoi post ingarbugliati, i pensieri confusi eppure chiari nella loro essenzialità. parli di cocci, di pezzi, di equilibri, eppure non riuscirei ad immaginarti diverso da così. non potrei pensarti come ad un pezzo unico (non nel senso di inimitabile eh!!! :) ) mi piace pensarti più come tanti cocci, anzi come frammenti di specchi. mi piace raccogliere frammenti di specchi quando li trovo per strada. poi li metto su una parete, come a fare un grande specchio.. puoi stare in equilibrio sopra qualsiasi cosa. il punto non è l' equilibrio. l' equilibrio sei tu nel tuo perenne divenire, nel tuo nuovo equilibrio in ogni attimo di vita. e l' equilibrio adesso non è quello di un secondo fa. quando tutto cambia cambia tutto.. e niente "adesso" è uguale a "prima".. ma questo sei tu.
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nelle tue parole hai trovato l'essenza di me forse non cambierò mai...ci saranno sempre cocci di me in giro e li troverete ovunque e qui soprattutto!! ♥

      Elimina
    2. dovresti provare a specchiarti nella parete ricoperta con i frammenti di specchi che trovo per strada.. vedresti un' immagine di te riflessa in ogni specchio. tanti te. eppure uno solo.
      ti abbraccio forte forte.
      p.s.: a questo punto hai due buoni motivi per venire a Roma: la parete di specchi ed i fiori di cannella!!! :))))

      Elimina
    3. se solo riuscissi a specchiarmi ancora e a vedere un immagine di me bella come la vedete voi....un abbraccio super forte e prometto che verrò per la cannella per lo specchio e per te un bacio ♥

      Elimina
  15. ad ogni tuo post, io ho le lacrime agli occhi.
    Caro Marcello, ti seguo anche su FB e anche se non mi conosci personalmente, leggendo le tue sensazioni e ammirando le tue foto.. riesco a provarne l'intensità, ed è una sensazione cosi forte che quasi mi sembra di soffrire con te...
    (lo so è halloween, ma io non sono una strega)
    e niente, ci tenevo a dirtelo.
    i complimenti non te li faccio perchè nessuna parola sarebbe sufficiente per descrivere il tuo talento in ogni espressione artistica.
    <3

    RispondiElimina
  16. Ehi Marcello, che incanto i tuoi pensieri e quella zucca di cenerentola che rappresenta le tue torte a mio avviso sa anche un po' della scorza dura in cui va a rifugiarsi la tua dolcezza, arancione e autunnale. Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura come mi mancavano i tuoi commenti ♥

      Elimina
  17. Mio caro, tu fai delle foto splendide, lo sai.. ma posso dirti che queste sono le mie preferite? *_*

    RispondiElimina
  18. Hai un animo delicato. Si percepisce da ciò che dici e da come fotografi.Ti vedo come un folletto dei boschi, sai? Detto ciò: con la zucca mi colpisci nel cuore...addddoro. Bravo!

    RispondiElimina